La new wave – My Sharona (The Knack)

La new wave
“My Sharona” (The Knack) – 1979

knack
Non so come si senta oggi Sharona Alperin, un’elegante signora che fa l’agente immobiliare a Los Angeles, ripensando agli anni 70. Al college era stata la fidanzata di Bert Averre, che allora suonava la chitarra in una piccola cover band a scuola ed aveva improvvisato il riff di questa che è stata senza dubbio la canzone più famosa a cavallo tra rock e New Wave. Nessuno poteva immaginare che Bert finisse in una band con un contratto discografico, e che la canzone su di lei divenisse Numero 1 in decine di Paesi in giro per il mondo. Michael Jackson riprese il riff di basso per scrivere “Beat it”, i Nirvana ed i Foo Fighters hanno sempre suonato una cover di questa canzone, considerata da tutti coloro che erano ragazzi allora una vera e propria pietra miliare – una canzone unica, perché né Bert Averre è i Knack sono mai riusciti a scrivere qualcos’altro di successo, né prima né poi. Difatti il successo vero è del produttore Mike Chapman, che aveva lanciato gli Smokie, Suzi Quatro, e poi Blondie, Gary Numan, gli Exile e tutti i fondatori della New Wave, per poi passare ad altri prodotti industriali come Pat Benatar, Rod Stewart, Ace of Base, e singole canzoni di tantissimi altri artisti come Huey Lewis, Tina Turner. Mentre Gary Numan era nato quasi per caso, il resto delle produzioni della New Wave erano attentamente studiate a tavolino ed erano il frutto della concorrenza tra Chapman, Todd Rundgren (Steve Winwood, The Tubes, etc.) ed il trio Stock Aitken Watermann (Kylie Minogue, Bananarama, Rick Astley, Mel & Kim, Dead or Alive, etc.). Il risultato fu una musica pomposamente artificiale, eppure per molti versi essenziale – motivetti orecchiabili, realizzati elettronicamente, con batteria artificiale ed altre percussioni computerizzate che saranno poi alla base della musica techno, e testi banali e ripetuti fino alla noia. Sicché quasi tutti li epigoni di questa tendenza, dopo aver avuto un disco di successo, avendo venduto l’intero pacchetto di estetica e ritmo, non superavano il secondo disco. Kylie Minogue, in questo, è un miracolo. Mentre The Knack sono rimasti una farfalla che ha volato una volta sola, eppure indimenticabile.

 

“My Sharona”

Ooh, my little pretty one, my pretty one
When you gonna give me some time, Sharona
Ooh, you make my motor run, my motor run
Got it coming off o’ the line, Sharona
Never gonna stop, give it up, such a dirty mind
I always get it up, for the touch of the younger kind
My, my, my, aye-aye, whoa!
M-m-m-my Sharona

Come a little closer, huh, a-will ya, huh?
Close enough to look in my eyes, Sharona
Keeping it a mystery, it gets to me
Running down the length of my thigh, Sharona
Never gonna stop, give it up, such a dirty mind
I always get it up, for the touch of the younger kind
My, my, my, aye-aye, whoa!
M-m-m-my Sharona
M-m-m-my Sharona

When you gonna give to me, a gift to me
Is it just a matter of time, Sharona?
Is it d-d-destiny, d-destiny
Or is it just a game in my mind, Sharona?
Never gonna stop, give it up, such a dirty mind
I always get it up, for the touch of the younger kind
My, my, my, aye-aye, whoa!
M-m-m-m-m-m-m-my, my, my, aye-aye, whoa!
M-m-m-my Sharona
M-m-m-my Sharona
M-m-m-my Sharona
M-m-m-my Sharona

(Burton Averre, Doug Fieger)