LA BAND

LA BAND

fogliedautunno-1600

“Stiamo lavorando come pazzi, vi promettiamo uno spettacolo di musica e politica come non lo avete mai visto prima nella vostra vita. Abbiamo raccolto la sfida dei grandi retori del passato, i tribuni che spiegavano dal palco i mutamenti della società e dell’economia e cercavano di risolverne i problemi dialogando con la gente, sentendosi gente. Ma noi non siamo tribuni, siamo solo sognatori e cittadini che cercano di essere consapevoli ed aperti. Abbiamo raccolto la sfida del pathos cantautoriale, ma credendo che Cantacronache, Francesco Guccini, Fabrizio De André, George Brassens, Jacques Brel e soci non siano la frontiera – ma l’inizio, la scoperta. Anche musiche complesse e potenti sono cantautorato, se hanno un messaggio complesso che la poesia rende immediatamente accessibile – e lì ci trovate a lottare per renderci più semplici e più chiari. Abbiamo raccolto la sfida del Teatro Canzone di Giorgio Gaber e Sandro Luporini, e l’abbiamo portata alle estreme conseguenze, perché non è tempo di limitarsi a ragionare sull’amore ed i dolori personali – bisogna dare a tutto una prospettiva totale, che comprenda tutti ed offra una via d’uscita. Siamo cinque ragazzi che forse credete di conoscere. Ma forse ci conoscete singolarmente. Venite a vedere cosa diventiamo, quando lavoriamo, amiamo, pensiamo, lottiamo e soffriamo insieme”.

 

Paolo-Fusi-150Paolo Fusi, chitarra e voce

 

Emanuele-Cannatella-150Emanuele Cannatella, sax, armonica e voce

 

Leo-150Leonardo Marcucci, arrangiamenti, chitarra acustica, chitarra elettrica, basso

 

Augusto-FerrettiAugusto Ferretti, tastiere, basso

 

Matteo-MarchiMatteo Marchi, batteria

 

Michela CohenMichela Cohen, management

 

Riccardo Rozzera - 150Riccardo Rozzera, ufficio stampa